pop, dopopop e quello che c'era prima e durante

Io ho una fortuna, e cioè che sono stato esposto da piccolo all’arte moderna, e pur non avendola mai studiata o seguita, la capisco, in qualche modo.

Quando capita che mi trovo in un museo o una galleria, e ci sono opere di signori e signore che hanno pitturato disegnato scolpito manipolato messo assieme deformato delle cose a fini artistici, io mi sento bene, e per qualche motivo se questi signori sono per esempio tra i tantissimi

roy lichtenstein

alexander calder

pablo picasso

jeff koons

e perfino maurizio cattelan

ho un bel po’ di simpatia per quel signore che ci aveva la sindrome.

Advertisements
Posted in Uncategorized. Tags: . 2 Comments »

2 Responses to “pop, dopopop e quello che c'era prima e durante”

  1. UnaStranaStrega Says:

    fanno una mostra a roma, di calder.

  2. AdRiX Says:

    a Roma è più difficile trovare una pensione del livello di Chez Bricchi


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: