sei di destra o di sinistra?

A leggere ora il celebre e splendido libello di Norberto Bobbio (la cui affermazione principale è la definizione di sinistra come la volontà , in politica, del superamento delle disuguaglianze)  mi sono domandato quanti di noi cosiddetti abitanti evoluti del www riflettano senza paura di guardarsi dentro sull’essere davvero di sinistra. Vagolando per i social network italofoni (FF, FB, FNCL) in tantissimi ostentano (ostentiamo?) una aristocrazie del pensare, una spocchia antipopolare, uno snobismo indecente orgoglioso e ineliminabile. Un posizionamento "oggettivo" nella destra, nonostante le dichiarazioni di intenti. E no, non basta sapere chi sia il "nemico" per posizionarsi e potersi definire.

Il moto browniano attorno al PD e al dibattito sulle candidature alla segreteria è esemplare: tantissimi se ne dicono perplessi, disgustati, lontani, e tuttavia ci si accaniscono attorno come granchi attorno ad un pesce morto. Forse sarebbe il caso di riflettere su cosa politicamente si pensa (si vorrebbe) essere , cosa si desideri, che tipo di progetto si condivida.

PS
eventuali citazioni della canzonetta di Gaber sono bandite, qui ci si domanda cosa si sia NOI riguardo alla questione

Advertisements

5 Responses to “sei di destra o di sinistra?”

  1. caporaleReyes Says:

    (anche) a me lo snobismo della “sinistra” da social network farebbe un po’ orrore. se non che, come ho letto in un commento nel blog di cundari specificamente riferito a sofri jr, ma credo estensibile, lo snobismo in questione sarà antipatico, ma è anche innocuo.

  2. utente anonimo Says:

    si’, ma dove lo metti Flavio Bucci?

  3. KayserSose Says:

    “Veltroni è così emozionalmente di destra che mi sono quasi commosso. Quando uno dice che qualcosa non è né di destra né di sinistra significa che sta dicendo qualcosa di destra. E Veltroni insiste nel dire che ciò che dice non è né di destra né di sinistra. Ben venga dunque nell’Italia di centrodestra”.

    Giancarlo Galan (Casa delle libertà), governatore del Veneto, dopo il lancio al Lingotto di Torino della candidatura di Walter Veltroni come segretario del PD. Da “Il Manifesto” 28-6-2007

    La citazione l’ho rubata a mcsilvan (da Rekombinant e Senza soste).

  4. AdRiX Says:

    @acido: interprete del non dimenticato Ligabue?

    @kaiser: chiunque, anche un politico, può dire cose che non sono né di destra né di sinistra, e fortunatamente da entrambi gli schieramenti fortemente condivise. Una di queste cosette, “né di destra né di sinistra” è la carta costituzionale italiana.

  5. KayserSose Says:

    Diceva qualcuno (mi pare che fosse il pelato di Arcore) che “La costituzione italiana l’hanno scritta i comunisti”. C’era in questo un certo astio verso una legge che fosse chiara ed uguale per tutti. Da Hammurabi a Kelsen c’è una linea ideale che definisce la legalità e mi appare più legata alla sinistra che alla destra.


Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: