Toglietemi tutto, ma non la mia foglia di fico

I viticoltori alsaziani sono furibondi perché si è iniziata una sperimentazione nella quale settanta piante di vite geneticamente modificate per resistere a un virus (che poi si tratti di un virus o altro è da appurare, ormai per i media "virus" può significare platelminta, protozoo o prione indifferentemente).
Questi viticoltori fanno finta di non sapere che da decenni una pianta di vite da vino è una creatura di Frankenstein con "piede americano" resistente alla fillossera con innestate gemme clonate tutte identiche geneticamente tra loro spesso per centinaia d’ettari.
Ma si preoccupano dell’immagine. Si preoccupano della loro reputazione, che la sperimentazione potrebbe danneggiare.

Un po’ come i committenti di Kate Moss, che hanno lanciato preciso e forte il messaggio "strafògati di polvere ma non darlo a vedere".

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s

%d bloggers like this: